LA SATIRA

LA SATIRA

La definizione di satira va dettagliata sia rispetto alla categoria della comicità, del carnevalesco, dell'umorismo, dell'ironia e del sarcasmo, con cui peraltro condivide molti aspetti:

  • con il comico condivide la ricerca del ridicolo nella descrizione di fatti e persone,
  • con il carnevalesco condivide la componente "corrosiva" e scherzosa con cui denunciare impunemente,
  • con l'umorismo condivide la ricerca del paradossale e dello straniamento con cui produce spunti di riflessione morale,
  • con l'ironia condivide il metodo socratico di descrizione antifrasticamente decostruttiva,
  • con il sarcasmo condivide il ricorso peraltro limitato a modalità amare e scanzonate con cui mette in discussione ogni autorità costituita.

Essa si esprime in una zona comunicativa "di confine", infatti ha in genere un contenuto etico normalmente ascrivibile all'autore, ma invoca e ottiene generalmente la condivisione generale, facendo appello alle inclinazioni popolari; anche per questo spesso ne sono oggetto privilegiato personaggi della vita pubblica che occupano posizioni di potere.

Queste stesse caratteristiche sono state sottolineate dalla Corte di Cassazione che si è sentita in dovere di dare una definizione giuridica di cosa debba intendersi per satira:

« È quella manifestazione di pensiero talora di altissimo livello che nei tempi si è addossata il compito di castigare ridendo mores, ovvero di indicare alla pubblica opinione aspetti criticabili o esecrabili di persone, al fine di ottenere, mediante il riso suscitato, un esito finale di carattere etico, correttivo cioè verso il bene. »
(Prima sezione penale della Corte di Cassazione, sentenza n. 9246/2006)

mercoledì 6 marzo 2013

SEDOTTO (da MISTERO) E ABBANDONATO !!!


  1.  Strakermercoledì, marzo 06, 2013 12:07:00 PM
  2. Forno a microonde, wireless e cordles banditi da anni. E' giù sufficiente, direi un ponte UMTS a 100 metri di distanza e ad altezza finestra, causa del decesso di nostro padre.
    (A FURIA DI SCRIVERLO, CI CREDO DAVVERO).

    Prepariamoci al tradimento della redazione di Mistero per questa sera.

    Mercoledì 6 marzo 2013 alle 21.10 su Italia 1 appuntamento con l’ottava puntata “Mistero”, il programma con Daniele Bossari, Jane Alexander, Lucilla Agosti, Marco Berry, Andrea Pinketts, Nicole Pelizzari e Rachele RestivoNel corso della serata il programma di Italia 1 si occuperà anche delle scie chimiche e della teoria del complotto sulla loro formazione. Cosa sono? Cosa nasconde questo strano fenomeno?

    La teoria del complotto sulle scie chimiche (chemtrails conspiracy theory), prende come ipotesi la possibilità che alcune scie di condensazione in realtà siano composte da agenti biologici o chimici, rilasciati in volo dagli aerei.

    Secondo questa teoria si tratterebbe di un complotto globale perpetrato da autori misteriosi e per motivi sconosciuti; tra le ipotesi avanzate dai complottisti, la più comune sarebbe un “piano” di irrorazioni con l’utilizzo di sostanze clima-alteranti.

    Una teoria del complotto che non ha mai ricevuto alcun credito da parte della comunità scientifica, perché priva di qualsiasi riscontro empirico, di coerenza esplicativa o di prove scientifiche; le scie chiamate dai sostenitori della teoria come scie chimiche, non possiedono alcuna caratteristica che possa fare pensare si tratti di sostanze diverse dalle normali scie di condensazione che, in determinate condizioni atmosferiche e al traffico aereo, possono assumere aspetti inconsueti.

    Una teoria ampiamente diffusa dai mass media e da internet che ha portato molte persone a chiedere informazioni a diversi enti governativi in merito al presunto fenomeno. Enti governativi che, insieme alla comunità scientifica, hanno più volte dimostrato l’inconsistenza e l’incoerenza scientifica di queste teorie.

    Del fenomeno si sono occupati anche diversi governi italiani con interrogazioni parlamentari, oltre a numerosi piloti ed esperti di meteorologia, riviste e programmi di divulgazione scientifica, definendola sempre come “una bufala”.

    Ma molti continuano a sostenere che le scie chimiche non sarebbero del tutto innocue, ma che si tratterebbe di sostanze tossiche, che noi tutti respiriamo, mangiamo insieme agli alimenti sui quali si depositano, per arrivare a uno scopo. Quale?

    WASP

5 commenti:

  1. Ho come idea che stasera ci divertiremo...

    RispondiElimina
  2. Giá so' che stasera mi verrá il nervoso!!

    RispondiElimina
  3. e io vi dico che è tutto vero perchè è tutto vero e perchè lo dico io cioè io.

    RispondiElimina
  4. Non credo che Mistero bruci un argomento così redditizio come le scie chimiche con una analisi razionale. Nella presentazione, riportata da wasp, il programma si mostra tendenzialmente scettico e alla ricerca di dati oggettivi. Temo che nel corso della trasmissione, dopo una iniziale (finta) opposizione, si rassegnerà a riconoscere come fondati i sospetti portati dagli sciachimisti, come per dire "ecco, noi eravamo scettici, ma ciò che ci è stato mostrato ci costringe a rivedere le nostre posizioni e a condividere i timori che le scie degli aerei abbiano origini misteriose".
    Il programma non prenderà mai una posizione netta sull'esistenza o meno delle scie chimiche. Non può sputtanarsi con teorie troppo fantasiose (accettabili solo dalle frange più idiote di spettatori, che numericamente sono poco consistenti) nè perdersi in analisi scientifiche e critiche che non sono per nulla amate dai "consapevoli", specie ora che con il M5S hanno dimostrato di avere un peso tutt'altro che trascurabile.

    Nico: temo che si divertiranno di più i fratelli di Sanremo.

    RispondiElimina
  5. e poi ci si lamenta se i grillini fanno figure di merda credendo al signoraggio, alle scie chimiche e a cazzate simili.
    Quanti danni ha fatto l'ignoranza all'Italia?
    Ora anche gli IGNORANTI CERTIFICATI finiscono in parlamento, ed è una delle massime COLPE di grillo (minuscola voluta)
    D'altronde se grillo sceglie persone intelligenti, poi non può più comandare come un boss della mafia

    RispondiElimina