LA SATIRA

LA SATIRA

La definizione di satira va dettagliata sia rispetto alla categoria della comicità, del carnevalesco, dell'umorismo, dell'ironia e del sarcasmo, con cui peraltro condivide molti aspetti:

  • con il comico condivide la ricerca del ridicolo nella descrizione di fatti e persone,
  • con il carnevalesco condivide la componente "corrosiva" e scherzosa con cui denunciare impunemente,
  • con l'umorismo condivide la ricerca del paradossale e dello straniamento con cui produce spunti di riflessione morale,
  • con l'ironia condivide il metodo socratico di descrizione antifrasticamente decostruttiva,
  • con il sarcasmo condivide il ricorso peraltro limitato a modalità amare e scanzonate con cui mette in discussione ogni autorità costituita.

Essa si esprime in una zona comunicativa "di confine", infatti ha in genere un contenuto etico normalmente ascrivibile all'autore, ma invoca e ottiene generalmente la condivisione generale, facendo appello alle inclinazioni popolari; anche per questo spesso ne sono oggetto privilegiato personaggi della vita pubblica che occupano posizioni di potere.

Queste stesse caratteristiche sono state sottolineate dalla Corte di Cassazione che si è sentita in dovere di dare una definizione giuridica di cosa debba intendersi per satira:

« È quella manifestazione di pensiero talora di altissimo livello che nei tempi si è addossata il compito di castigare ridendo mores, ovvero di indicare alla pubblica opinione aspetti criticabili o esecrabili di persone, al fine di ottenere, mediante il riso suscitato, un esito finale di carattere etico, correttivo cioè verso il bene. »
(Prima sezione penale della Corte di Cassazione, sentenza n. 9246/2006)

martedì 3 settembre 2013

SANREMO, 3 SETTEMBRE 2013 - Sotto un cielo al "manganese"

Tutte le foto sono state scattate oggi, intorno alle ore 13.















WASP

6 commenti:

  1. Straker come sempre ha ragione Task Force Butler.

    RispondiElimina
  2. Margotti Street3 settembre 2013 19:49

    Un tripudio di sole, di colori, di paesaggi splendidi sotto un cielo spettacolare. Belle anche le bandiere che sventolano ad una brezza sicuramente rigenerante!
    Queste sono le cose che allietano la vista e ristorano l'anima, altro che gli spaventosi incubi generati e spacciati quali risultati della scoperta di grandi complotti ai danni dell'umanità, da menti disturbate delle quali il Sindaco di Sanremo, quale istituzionalmente responsabile della salute dei suoi cittadini, dovrebbe prendersi cura assicurando loro le idonee terapie da parte dell'ASL di competenza.

    RispondiElimina
  3. Io continuo ad invidiarti perche' vivi in un posto cosi' bello...
    E continuo a schifare i 2 terrazzati perche ci vomitano sopra le loro paranoie.

    RispondiElimina
  4. Diciamo che si capisce perché il tarlucco ti odia :-)

    RispondiElimina
  5. Nuova lista di proscrizione fascista di Rosario Marcianò
    http://nico-murdock.blogspot.it/2013/09/marciano-nuova-lista-di-proscrizione.html

    RispondiElimina