LA SATIRA

LA SATIRA

La definizione di satira va dettagliata sia rispetto alla categoria della comicità, del carnevalesco, dell'umorismo, dell'ironia e del sarcasmo, con cui peraltro condivide molti aspetti:

  • con il comico condivide la ricerca del ridicolo nella descrizione di fatti e persone,
  • con il carnevalesco condivide la componente "corrosiva" e scherzosa con cui denunciare impunemente,
  • con l'umorismo condivide la ricerca del paradossale e dello straniamento con cui produce spunti di riflessione morale,
  • con l'ironia condivide il metodo socratico di descrizione antifrasticamente decostruttiva,
  • con il sarcasmo condivide il ricorso peraltro limitato a modalità amare e scanzonate con cui mette in discussione ogni autorità costituita.

Essa si esprime in una zona comunicativa "di confine", infatti ha in genere un contenuto etico normalmente ascrivibile all'autore, ma invoca e ottiene generalmente la condivisione generale, facendo appello alle inclinazioni popolari; anche per questo spesso ne sono oggetto privilegiato personaggi della vita pubblica che occupano posizioni di potere.

Queste stesse caratteristiche sono state sottolineate dalla Corte di Cassazione che si è sentita in dovere di dare una definizione giuridica di cosa debba intendersi per satira:

« È quella manifestazione di pensiero talora di altissimo livello che nei tempi si è addossata il compito di castigare ridendo mores, ovvero di indicare alla pubblica opinione aspetti criticabili o esecrabili di persone, al fine di ottenere, mediante il riso suscitato, un esito finale di carattere etico, correttivo cioè verso il bene. »
(Prima sezione penale della Corte di Cassazione, sentenza n. 9246/2006)

venerdì 15 agosto 2014

BUON FERRAGOSTO!

Sanremo, 15 agosto 2014

Passeggiata fotografica fino in cima al molo di Portovecchio.










La fine del mondo o l'inizio di un amore?







La frescura del centro città... Il bel portale di Palazzo Borea d'Olmo.


WASP

4 commenti:

  1. Beato te Wasp che hai quel tempo! Qui nell'estremo nord-est ha piovuto con intensità variabile (da zero con un timido sole a nubifragio) per tutta la giornata.
    Ovviamente non poteva mancare il vento ...

    RispondiElimina
  2. Io un po' ti odio.
    Vivi in una citta' bellissima, con un clima fantastico praticamente 12 mesi su 12, e io sto' qui a litigare con temporali, diluvi, fiumi che manca poco che ci allaghino casa e giornate in cui sembra di essere all equatore.
    Che per uno che ama il freddo non e' proprio il massimo!
    Facciamo cambio per qualche settimana?

    RispondiElimina
  3. Beati voi di Sanremo, guarda cosa è stato il giorno di ferragosto qui:
    http://madblog.altervista.org/?p=3900

    RispondiElimina
  4. Certo che se sparisse marcianò non ti resta un cazzo da fare nella vita.

    RispondiElimina