LA SATIRA

LA SATIRA

La definizione di satira va dettagliata sia rispetto alla categoria della comicità, del carnevalesco, dell'umorismo, dell'ironia e del sarcasmo, con cui peraltro condivide molti aspetti:

  • con il comico condivide la ricerca del ridicolo nella descrizione di fatti e persone,
  • con il carnevalesco condivide la componente "corrosiva" e scherzosa con cui denunciare impunemente,
  • con l'umorismo condivide la ricerca del paradossale e dello straniamento con cui produce spunti di riflessione morale,
  • con l'ironia condivide il metodo socratico di descrizione antifrasticamente decostruttiva,
  • con il sarcasmo condivide il ricorso peraltro limitato a modalità amare e scanzonate con cui mette in discussione ogni autorità costituita.

Essa si esprime in una zona comunicativa "di confine", infatti ha in genere un contenuto etico normalmente ascrivibile all'autore, ma invoca e ottiene generalmente la condivisione generale, facendo appello alle inclinazioni popolari; anche per questo spesso ne sono oggetto privilegiato personaggi della vita pubblica che occupano posizioni di potere.

Queste stesse caratteristiche sono state sottolineate dalla Corte di Cassazione che si è sentita in dovere di dare una definizione giuridica di cosa debba intendersi per satira:

« È quella manifestazione di pensiero talora di altissimo livello che nei tempi si è addossata il compito di castigare ridendo mores, ovvero di indicare alla pubblica opinione aspetti criticabili o esecrabili di persone, al fine di ottenere, mediante il riso suscitato, un esito finale di carattere etico, correttivo cioè verso il bene. »
(Prima sezione penale della Corte di Cassazione, sentenza n. 9246/2006)

mercoledì 11 gennaio 2012

10-01-2012 - Un testimone-chiave conferma: "Straker è un bugiardo!"

A seguito dell'enorme spam effettuato da rosario marcianò in arte Straker (ma meglio noto come Stercorarius sanremensis), su quelli che lui definisce "diffusori e non sensori", mi sono interessato per trovare le più elementari prove della sua solita malafede, così, solo per il gusto di smascherarlo anch'io che sono un tipografo e non un esperto di cose aeronautiche.

A dire il vero non è stato poi tanto difficile...

Tanto per cominciare, nella foto qui a fianco che è la copertina di un manuale per tecnici, si vede chiaramente il "famoso" dispositivo che a sentire lo Stercorarius verrebbe aggiunto solo all'occorrenza... e che non sarebbe presente nei motori nuovi di fabbrica. Basterebbe questo per definirlo: Idiota!

Mi sono poi un po' divertito a "tradurre" in italiano corrente il post marcianese pubblicato col titolo:

"Un testimone-chiave conferma: "Sono diffusori, non sensori"


Di seguito la dirompente testimonianza di un manutentore

"Manutentori" si nasce... o si diventa?



circa l’installazione di dispositivi erogatori sui turbofan (si legga l'articolo a suo tempo qui pubblicato No, grazie).

Per proteggere il teste, sono stati omessi i riferimenti che potrebbero condurre alla sua identificazione.
Coscienza sporca, eh Straker? Solo una foto… per far vedere che il testimone esiste davvero… o no? Forse è questo il testimonio?


Dalle dichiarazioni, assolutamente genuine
parola di Straker, ehhh! mica pizza e fichi!

e che sono a disposizione delle autorità,
Autorità? Quali autorità, lo smom o i giudici che Straker ritiene tutti collusi con i debunker?

si arguisce il coinvolgimento di alcune compagnie civili, insieme con i militari, nelle attività chimico-biologiche.
Si arguisce, soprattutto, che Straker è un mentecatto paranoico.

Praticamente la questione [...] ???

faccio il [...] pulitore di insetti appiccicati sulle gondole motore degli aerei 

e lavoro per [...] l’impresa Acme

ed ho cominciato ad approfondire l'argomento e ti posso dire che ci sono state [...],
prese per i fondelli?

a seguito della pubblicazione della foto del 737 della Ryanair con quel "piccolo sensore"
(in realtà l'apparato misura circa 4 cm di diametro ed appare essere un tubo - n.d.r. = nota di rosario marcianò),

(nella foto, il “piccolo sensore di 4 cm di diametro; 
la lunghezza non ci viene fornita, ma si può agevolmente calcolare… sotto quota cumulo!)


ho chiesto ai miei amici della manutenzione, che cosa fosse quell'apparecchio e mi hanno detto che era un sensore di pressione.
ahahah… Straker dice che si tratta della testimonianza di un tecnico; il “tecnico” stesso lo smentisce dicendo che è andato ad informarsi dai “tecnici della manutenzione”!!!

Tanto è vero che mi sono fatto aprire il motore
ahahah… il “tecnico” si è fatto “aprire” il motore… ahahahah… Strakkì, sei un buffone!

e poi sono capitati a [nome dell'aeroporto (Fantasiland?)] altri aerei di altre compagnie anche charter che avevano un apparato leggermente diverso... magari più peloso…
non un tubo di Venturi, ma quasi con qualche modifica. 
Insomma: il “tecnico” non sa di cosa si tratta, ma dichiara esplicitamente che è “non un tubo di Venturi, ma quasi con qualche modifica”. Strakkì, oltre ad essere un bugiardo, sei un pagliaccio!

Così ho chiesto al solito mio contatto: "Ma di che cosa si tratta?" e l'ho visto un po' cambiato... un po' perplesso.
E ti credo! Il Tecnico vero, si sarà pure scazzato di rispondere alle domande sceme di un pulitore di caccole!

Dopo qualche giorno, mi ha chiamato il responsabile della sicurezza dell'aeroscalo e mi ha invitato a non interferire, a non indagare su argomenti che esulano dalla mia mansione, perché quella è una cosa più tecnica, a livello di management, competenza di tecnici, ingegneri che lavorano sull'impiantistica di bordo. Questo personaggio mi ha invitato a desistere, a non eseguire ulteriori indagini ed a non scattare fotografie. 
Tradotto dal linguaggio strakeriano, il responsabile della sicurezza gli ha solo detto di stare al suo posto, non andare a disturbare i tecnici che fanno un lavoro abbastanza delicato e non devono essere distratti con domande stupide, non impicciarsi di compiti e cose che non capisce data la sua bassissima qualifica, di lasciare in pace e non fotografare gli ingegneri che lavorano sull’impiantistica di bordo! – Strakkì, solo un ciarlatano come te può cercare di farci credere che non sia così.

La cosa sembrava finita lì. Dopo qualche giorno, però, mi ha contattato un'altra persona che mi ha quasi minacciato, invitandomi ad evitare assolutamente ad interessarmi di alcune cose, pena sanzioni o addirittura allontanamento dal posto di lavoro e guai seri che avrei passato io etc. etc. Suppongo che questa persona sia stata mandata appositamente e che faccia parte dell'organizzazione, probabilmente internazionale etc. etc.

Traduzione: ci siamo accorti che sei un rompicoglioni di prima categoria, che anziché fare il tuo lavoro perdi tempo e fai perdere tempo ai tecnici ed agli ingegneri; o ti dai una regolata e ti dedichi alle tue mansioni, o ti buttiamo fuori a calci…

Forse credo che ci siamo capiti. Da quel momento in poi purtroppo ho dovuto abbandonare la questione ed ho notato di essere controllato a vista.

Controllato a vista: e alla prima che mi fai, ti licenzio e te ne vai!

*** Pubblished by Zret a sabato, dicembre 31, 2011 ***

In aiuto alla mia ricerca è arrivato:


ed ecco qua: più sensore sensato di così...


qui un motore in officina col sensore in bella evidenza


e qui uno in un museo, sempre con sensore in evidenza


Questo signore potrebbe essere il tanto decantato "manutentore" di straker?
Potrebbe, ma non lo è: non ha l'aspetto di un "cucco"!


WASP

AGGIORNAMENTO

Punto sul vivo, lo Stercorarius sanremensis tenta l'arrampicata sugli specchi:


Egregio rosario marcianò, le BALLE che pubblichi tu sono e restano BALLE anche se le spammi su tutto il web!

Anzi, per farti sclerare ancora di più, ti faccio vedere come sono i VERI UGELLI DI IRRORAZIONE.
Ecco, guarda:



BUFFONE SEI E TALE RESTI!

Chi è Straker, lo Stercorarius sanremensis?  clicca qui!  

WASP scompisciato!

23 commenti:

  1. prima volta k entro nel vostro blog e penso k
    dovreste sputtanare molto molto di piu'!!!!
    cosi sembrate una manica di debankerini segaioli!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi sempre aiutarci con i tuoi commenti.
      Qui sono liberi.

      Elimina
  2. Non ci credo, non è possibile che ci siano gonzi così gonzi da credere che si possa spruzzare qualcosa controvento davanta alla ventola di un turbofan.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono, ci sono!
      Il primo è il maestrino "pubblished".

      Elimina
  3. Anonimo, allora non conosci il livello dei lettori della cloaca di straker :-))

    RispondiElimina
  4. Sei sempre un grande!

    RispondiElimina
  5. Andrea da Imperia11 gennaio 2012 20:18

    Che essere schifoso che è questo Rosario Marcianò. Davvero un uomo senza anima e brutto come la merda. Anzi no, la merda è utile.

    RispondiElimina
  6. Guarda caso, stracchino ha un "anonimo" che commenta quando serve.

    Notare che da anonimi non si può commentare su quei blog..... nemmeno lasciare un commento da moderare.

    Come sarà possibile??? Forse che se li scrive da solo????

    Meditate, gente, meditate.

    RispondiElimina
  7. Anzi, per farti sclerare ancora di più, ti faccio vedere come sono i VERI UGELLI DI IRRORAZIONE.

    STRAKATALOLLISSIMO!!!! Grande Wasp!

    RispondiElimina
  8. Wasp articolo davvero bello!!! Grandeeeee

    RispondiElimina
  9. Ero convinto i commenti anonimi fossero stati disabilitati e per questo non commentavo da un po' di tempo... comunque sia ottimo articolo!
    Penso che la ricostruzione di WASP riguardo al trattamento subito dallo "scacchettatore di guano" quando è andato ad importunare tecnici ed ingegneri sia molto vicino alla realtà.
    Queste piccole menti però pensano sempre di essere molto di più di quello che in realta sono (e sono considerate), penso che il tizio creda davvero di essere stato ripreso perchè "aveva visto troppo".
    La cosa magari gli da un po' di adrenalina, un po' di vita, un po' di ritmo nella sua piatta quotidianità... anche se poi certi problemi vengono divorati, inglobati ed ingigantiti da quegli "attrattori strani" che sono il dinamico duo sanremese...
    I fratelli si nutrono delle manie di questa gente, le amplificano e le rafforzano proprio per costruire la barcollante base su cui urlare fandonie ancora più grosse.

    Penso che i Marcianò siano davvero un pericolo sociale per tutte le persone prive dei necessari anticorpi (vuoi per mancanza di cultura, vuoi per problemi personali) atti a considerarli dei buffoni. Li considero del tutto simili a Wanna Marchi & soci.

    Possibile non si possa fare nulla di concreto per fermare questo schifo?


    Un saluto a WASP!


    Lorenzo.

    RispondiElimina
  10. http://nico-murdock.blogspot.com/2012/01/le-gole-profonde-di-rosario-marciano.html

    Saluti

    RispondiElimina
  11. http://imageshack.us/photo/my-images/52/immaginepp.jpg/

    RispondiElimina
  12. piccolo OT, sono impazziti anche gli spagnoli.
    http://www.youtube.com/watch?v=w_zBcvDgWos&feature=youtu.be

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora capisco perché rosario si è lanciato nel "suo" proclama al mondo...
      Non voleva essere sorpassato dal fuffaro spagnolo!

      Elimina
    2. Anche in quello in cui si reputa esperto non riesce a far altro che copiare...

      Elimina
  13. Paolo el panza14 gennaio 2012 14:32

    L'ultima foto mi ha fatto ricordare un documentario della serie "Indagini ad alta quota" in cui si doveva dimostrare se l'ingestione di acqua poteva far "piantare" un motore. Ebbene, anche irrorandolo con l'equivalente di una pioggia monsonica, il motore girava lo stesso. E l'irrorazione avrebbe torto le budella di straker, tanta acqua ci buttavano, altro che quella della foto.
    STRAKER? PUPPA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà l'ultima foto illustra un sistema di lavaggio dei motori e viene eseguito a terra; il liquido di lavaggio viene recuperato e smaltito secondo le norme.

      STRAKER PUPPA e ZRET RI-PUPPA!!!

      Elimina
  14. Spero il blog sia ancora attivo sull'argomento. Mi piace la fantascienza

    RispondiElimina