LA SATIRA

LA SATIRA

La definizione di satira va dettagliata sia rispetto alla categoria della comicità, del carnevalesco, dell'umorismo, dell'ironia e del sarcasmo, con cui peraltro condivide molti aspetti:

  • con il comico condivide la ricerca del ridicolo nella descrizione di fatti e persone,
  • con il carnevalesco condivide la componente "corrosiva" e scherzosa con cui denunciare impunemente,
  • con l'umorismo condivide la ricerca del paradossale e dello straniamento con cui produce spunti di riflessione morale,
  • con l'ironia condivide il metodo socratico di descrizione antifrasticamente decostruttiva,
  • con il sarcasmo condivide il ricorso peraltro limitato a modalità amare e scanzonate con cui mette in discussione ogni autorità costituita.

Essa si esprime in una zona comunicativa "di confine", infatti ha in genere un contenuto etico normalmente ascrivibile all'autore, ma invoca e ottiene generalmente la condivisione generale, facendo appello alle inclinazioni popolari; anche per questo spesso ne sono oggetto privilegiato personaggi della vita pubblica che occupano posizioni di potere.

Queste stesse caratteristiche sono state sottolineate dalla Corte di Cassazione che si è sentita in dovere di dare una definizione giuridica di cosa debba intendersi per satira:

« È quella manifestazione di pensiero talora di altissimo livello che nei tempi si è addossata il compito di castigare ridendo mores, ovvero di indicare alla pubblica opinione aspetti criticabili o esecrabili di persone, al fine di ottenere, mediante il riso suscitato, un esito finale di carattere etico, correttivo cioè verso il bene. »
(Prima sezione penale della Corte di Cassazione, sentenza n. 9246/2006)

domenica 25 agosto 2013

IO NON STO CON I MARCIANÒ

Al solo scopo di tenere testimonianza delle querelle sviluppatasi in questo mese di agosto in seguito alla pubblicazione su "Repubblica" del seguente articolo a firma Marco Preve

riporto qui di seguito alcuni stralci e altro materiale tratto dalla pagina Facebook chiamata "Io sto con Marcianò" creata e curata da un certo Tommaso Mammone coadiuvato da altri tra cui il più attivo sembra Lucio Zen.
Segue la risposta di Marco Preve e alcune altre amenità...

da "Io sto con Marcianò"https://www.facebook.com/groups/152806298257645/?fref=ts

Il giorno 11/08/2013, rispettivamente su un celebre quotidiano nazionale e , a seguire, su un locale quotidiano on-line, son apparsi due articoli su Antonio Marcianò, professore del liceo G.D. Cassini. Entrambi prendendo spunto da un gruppo che risponde al nome di "La propaganda razzista di Zret" e che, ad ora, conta soltanto 21 iscritti (vien naturale chiedersi qual infinità di baggianate si possan divulgare con un simile metodo d'indagine), e tratteggiando solo parzialmente il profilo estremamente variegato del professore, riportano l'allarmismo di certi genitori sanremesi che "vorrebbero scrivere i figli" nel liceo cittadino, "ma che sarebbero preoccupati dalla presenza del professor Marcianò".
Questo gruppo nasce dall'esigenza di fornire a questi genitori erroneamente allarmati testimonianze finalmente attendibili, raccogliendo gli accorati appelli di tutti gli alunni, ex alunni, insegnanti e vari (che lo scrivente sa esser innumerevoli) che realmente hanno conosciuto il professore Marcianò e che ne conservano tuttora (com'è inevitabile che sia) un caro ed affettuoso ricordo.
A seguire, gli articoli in principio citati:
http://genova.repubblica.it/cronaca/2013/08/11/news/quel_prof_antisemita_e_crede_negli_ufo_nel_liceo_di_calvino_scoppia_la_polemica-64611337/

http://www.sanremonews.it/2013/08/11/leggi-notizia/argomenti/cronaca/articolo/professore-del-liceo-cassini-denigrato-su-facebook-secondo-la-preside-e-un-ottimo-docente.html#.UgkE7tK-2So

Post di:

Lucio Zen
IMPORTANTE:
BOZZA ARTICOLO DA INVIARE ALLE REDAZIONI DI LA REPUBBLICA , SANREMONEWS E PUNTOSANREMO
SI ACCETTANO SUGGERIMENTI, MODIFICHE , CRITICHE
TUTTI COLORO CHE APPOGGIANO L'ARTICOLO COMMENTINO CON "sottoscrivo"
ENTRO UN PAIO DI GIORNI (TEMPO DI LIMARE IL TESTO, COME DIREBBE TONY) INVIAMO

scrivo in merito al Vs articolo della scorsa settimana riguardo dubbi e perlpessità sulla qualità dell'insegnamento del Professor Antonio Marcianò presso il Liceo G.D. Cassini di Sanremo.
Questa lettera è nata ed è stata concepita all'interno del gruppo di Facebook "IO STO CON MARCIANO' " formatosi in seguito alle pubbliche accuse mosse verso la qualità del lavoro del docente.
Ad oggi, il gruppo conta più di un centinaio di utenti, tutti suoi ex alunni.
al suo interno potete trovare racconti e testimonianze di chi da Marcianò è stato seguito , istruito e valutato (o indottrinato, come piace dire a qualcuno).
Ci teniamo a precisare che gli elementi che formano il gruppo hanno opinioni contrastanti e variegate circa le teorie diffuse dal professore: scettici, agnostici e fanatici incalliti.
Ritieniamo che la veridicità di tali teorie sia del tutto irrilevante, e il fatto che molti di noi ripudino questi concetti non è che l'ennesima dimostrazione che il "professore cospiratore razzista antisionista complottista indottrinatore" non lava il cervello a nessuno.
Siamo tutti uomini e donne pensanti, e l'idea che qualcuno possa supporre che il nostro pensiero sia stato plagiato è un vero e proprio insulto alla nostra intelligenza.

Ma il punto focale in questo caso è il professor Antonio Marcianò, uomo dalla personalità variegatissima: i primi ricordi che ho di lui sono di un professore bizzarro, eccentrico, a tratti (con tutto il rispetto) azzarderei inquietante e con un modo di parlare per certi versi inconprensibile.
Ci sono voluti due anni per capire che il suo linguaggio così astruso fosse italiano Corretto, e che quel suo odiosissimo attaccarsi ai dettagli un modo per insegnarci a non tralasciare niente.
Dire che Marcianò sia nocivo alla formazione dei ragazzi è bestemmia.
Dire che non sia valido come insegnante ancora peggio!
Credo che il Liceo di Sanremo non abbia mai avuto insegnante più preparato, comunicativo , affezionato ai ragazzi, coerente, ligio, puntuale, preciso, enciclopedico, disponibile e UNICO di Antonio Marcianò. Riguardo le teorie che appoggia.....come lui stesso ha insegnato a me ed ai miei compagni di classe ognuno ha il suo modo di pensare, la sua opinione, ed il rispetto di quelle altrui è più importante dell'opinione stessa.
Qualuno magari si chiederà se ci ha mai parlato delle teorie riguardo le scie chimiche, il nuovo ordine mondiale o i falsi storici..
ASSOLUTAMENTE SI (grazie a Dio, aggiungerei)
Ci ha fornito del materiale a riguardo?
TANTISSIMO
Ha mai speso un minuto della sua lezione a parlare di suddette teorie?
MAGARI!! Noi ci provavamo sempre, a fargli chiudere i Promessi Sposi, ma lui non cedeva un millimetro: chi voleva informarsi riguardo certi argomenti sgranocchiava minuti al cambio dell'ora o alla fine della giornata.

Queste le nostre esperienze dirette. Potete consultarle tutte all'interno del Gruppo (è aperto) e trarne le conclusioni che riterrete più opportune.

Le conclusioni che abbiamo invece tratto noi dopo aver letto il vostro articolo permeano perplessità: come può una testata grande e rinomata come la vostra pubblicare accuse così infamanti verso un docente sulla base di accuse mosse da un gruppo di facebook che all'epoca dei fatti contava poco più di 20 iscritti, molti dei quali profili fasulli, anonomi e probabilmente tutti appartenenti alle stesse quattro o cinque persone?
Siamo convinti che La Repubblica sia uno dei migliori mezzi d'informazione del paese, e siamo più che convinti che una testata come la vostra se per assurdo commettesse un errore di valutazione sarebbe la prima a correggere il tiro con le maniere dovute.

Grazie dell'attenzione
Condividi · 15 agosto alle ore 23.55
Visualizzato da 99
A 28 persone piace questo elemento.

Commenti al post:

Lucio Zen ps: FATELO GIRARE TRA EX COMPAGNI DI CLASSE. CHI NON E' STATO EX ALUNNO PER FAVORE ESCA DAL GRUPPO. GRAZIE
15 agosto alle ore 23.59

Serena Modena sottoscrivo
16 agosto alle ore 0.11

Alice Bottini sottoscrivo
16 agosto alle ore 0.21

Moreno Matani Sottoscrivo
16 agosto alle ore 0.30 tramite cellulare

Elena Koot Sottoscrivo
16 agosto alle ore 0.36 tramite cellulare

Greta Morghy Sottoscrivo
16 agosto alle ore 0.44

Mishel Qyrana eviterei il 'grazie a dio' posto fra parentesi
16 agosto alle ore 0.55 · 1

Guglielmo Vesco Sottoscrivo
16 agosto alle ore 0.56 tramite cellulare

Lucio Zen a majin bu non posso disubbidire..
16 agosto alle ore 0.59 · 5

Mishel Qyrana majin bu che si infila un pigiamone rosso
16 agosto alle ore 0.59 · 4

Cosimo Corsa sottoscrivo
16 agosto alle ore 1.08

Monia Souidi Sottoscrivo
16 agosto alle ore 1.09 tramite cellulare

Serena Suraci Sottoscrivo! Grande lucio..
16 agosto alle ore 1.10 tramite cellulare

Loris Fusha Sottoscrivo
16 agosto alle ore 1.10 tramite cellulare

Marco Mortato sottoscrivo
16 agosto alle ore 1.51 · Modificato

Francesco Santomassimo sottoscrivo
16 agosto alle ore 1.50 · 1

Danilo Iannuzzi sottoscrivo
16 agosto alle ore 1.54

Emad Abd El Gelil sottoscrivo
16 agosto alle ore 2.12

Elena Monari Sottoscrivo
16 agosto alle ore 2.37 tramite cellulare

Rossella Bollati Sottoscrivo
16 agosto alle ore 9.16 tramite cellulare

Federico Rovere sottoscrivo!
16 agosto alle ore 9.21 tramite cellulare

Stefano Monari Sottoscrivo
16 agosto alle ore 10.30

Bianca Mazzeo Sottoscrivo
16 agosto alle ore 10.32 tramite cellulare · 1

Giulia Maiolo sottoscrivo
16 agosto alle ore 10.53

Greta Bonotto Sottoscrivo
16 agosto alle ore 10.58

Matteo Borro sottoscrivo
16 agosto alle ore 11.05

Francesca Massimillo sottoscrivo
16 agosto alle ore 11.07

Giovanni Paternoster sottoscrivo
16 agosto alle ore 13.49 · 1

Mauro Mascagni sottoscrivo
16 agosto alle ore 14.27

Milly De Leverano sottoscrivo
16 agosto alle ore 14.47

Stefano Olivieri sottoscrivo
16 agosto alle ore 15.13

Alessandro Comandini sottoscrivo
16 agosto alle ore 15.43

Davide Zamora Martinez Sottoscrivo
16 agosto alle ore 15.51 tramite cellulare

Massimo Baracco Sottoscrivo
16 agosto alle ore 16.29 · 1

Aurora Morandin Sottoscrivo
16 agosto alle ore 17.33

Martina Fucile sottoscrivo
16 agosto alle ore 18.00

Lucio Zen ad oggi 31 sottoscrizioni. se oltre all'eliminazione del "(grazie a Dio)" nessuno richiede altre modifiche domani controllo ortografia e invio.
grazie a tutti per il sostegno. se riuscissimo a raggiungere una cifra tonda sarebbe un bello schiaffetto morale a chi se lo merita..
16 agosto alle ore 18.54 · 1

Federica Giuliani Sottoscrivo
16 agosto alle ore 18.58 tramite cellulare

Serena Suraci Lu se ti capita aggiungi solo qualche virgola in piu qua e là,in nome del l'ossessione di marcianò 
16 agosto alle ore 19.19 tramite cellulare · 1

Federico Viganò Sottoscrivo!
16 agosto alle ore 20.23

Martina Calista Sottoscrivo
16 agosto alle ore 20.43

Miramondi Francesco Sottoscrivo
16 agosto alle ore 20.56

Jacopo Durazzi sottoscrivo
17 agosto alle ore 15.52

Luca Coleridge Mele sottoscrivo!
17 agosto alle ore 15.54

Francesco Secondo SOTTOscrivo
17 agosto alle ore 15.55

Francesca Carini sottoscrivo
17 agosto alle ore 22.04 tramite cellulare

Mirvin Bazzicalila sottoscrivo
17 agosto alle ore 22.54

Lucio Zen INVIATA ORA!!!!
18 agosto alle ore 2.28 · 2

Lucio Zen ho tolto la parte tra parentesi (Mishel) e spezzato un po di periodi effettivamente un pò lunghetti  (Serena).. mi ero anche dimenticato di scrivere che sottoscrivevamo la lettera ma ho corretto il tiro .. mi sono permesso solo di cambiare l'ultima frase .. sinceramente aspettare per vedere se vi andava bene mi sembrava eccessivo.. scusatemi. cmq è questa:
" una testata come la vostra se per assurdo commettesse un errore di valutazione riparerebbe al danno causato ai diretti interessati e ai lettori."

se la repubblica non parlerà di questa cosa posso tranquillamente dire "cazzo, c'è qualcosa che non va"
18 agosto alle ore 2.31 · 2

Lucio Zen grazie a tutti per la collaborazione
18 agosto alle ore 2.31 · 4

Andrea Parisi Sottoscrivo
18 agosto alle ore 12.18 tramite cellulare

LA RISPOSTA DI PREVE:

Tommaso Mammone
Pubblico qui di seguito la risposta del sig. Preve:

"grazie per il tono civile della lettera e per la considerazione mostrata nei confronti del mio giornale. Mi permetta però di risponderle con qualche considerazione che naturalmente potrà anche non condividere. Prima di tutto una precisazione: noi non abbiamo infamato nessuno e se lei lo sostiene, o me lo dimostra non con interpretazioni ma con fatti, oppure è lei che sta diffamando me e la mia testata. Mi perdoni se sono un po' duro su questo punto ma il suo professore e suo fratello in questi giorni hanno praticato una diffamazione tanto vergognosa e pesante nei miei confronti, nei confronti di altri colleghi o semplici critici delle loro teorie, da sconfinare nella farsa. Lo hanno fatto nei vari blog che gestiscono e qui vengo ad un altro punto della sua lettera. La pagina Fb era solo uno dei canali on line su cui i Marcianò venivano criticati. E poi mi perdoni, non le sembra contraddittorio che lei ci accusi di prestare attenzione ad una pagina Fb quando Fb è proprio lo strumento che lei ha ritenuto più valido per difendere il suo prof? Potrà non essere d'accordo ma i social network sono oggi parte integrante del sistema mediatico informativo. Ma non è questo il punto, altrimenti i giornali passerebbero il tempo a seguire bufale o vendette on line.
Qui la differenza la fanno altri aspetti.
Primo, le critiche riguardavano idee e tesi effettivamente sostenute da Marcianò; secondo su vari siti e blog tali idee erano da tempo oggetto di critiche e discussioni; terzo credo di aver svolto correttamente il mio mestiere leggendo gli scritti, parlando per 40 minuti con il prof Marcianò e suo fratello che ha voluto intromettersi nella discussione, e soprattutto parlando con la vicepreside.
Perché proprio qui sta il cuore del problema: il prof Marcianò per il liceo rappresenta comunque una fonte di imbarazzo visto che in città le sue tesi fanno discutere e alcuni genitori lo ritengono un problema per l’educazione dei loro figli. Lo dice la vicepreside non io.
Mi sembra poi tanto appassionata quanto ingenua la vostra difesa del professore circa il fatto che non abbia plagiato (un verbo usato da voi e mai dal sottoscritto) le vostre menti. La vostra mail è quella di chi ritiene legittimamente il prof Marcianò un ottimo insegnante ma mi consentirete di ipotizzare (e se non fosse per una questione di riservatezza vi potrei dire che è anche qualcosa di più di un’ipotesi) che possa anche esistere qualcuno che la pensi diversamente anche se non ha scritto mail pubbliche o creato pagine Fb di sostegno.
Mi fermo qui e come vedete non mi sono neppure soffermato ad analizzare le tesi dei Marcianò. Mi limito ad una sola circostanza che non posso tacere: sostenere che quel carabiniere ferito a revolverate davanti a palazzo Chigi nel maggio scorso - credo sia rimasto invalido a vita – non sia mai esistito e sia il figurante di un complotto è una bestialità che offende non tanto una mente ormai compromessa, bensì voi e il vostro genuino affetto per un professore che vi ha comunque accompagnato negli anni più importanti della formazione di ciascun individuo. Ma visto che i vostri studi vi hanno soprattutto insegnato ad approfondire, sviluppare il senso critico e capire che la realtà e le persone possono avere diverse sfaccettature, permettetemi di invitarvi a rileggere l’intera vicenda alleggerendovi delle suggestioni adolescenziali.
Vi saluto cordialmente
marco preve

ps: utilizzate questa mia risposta liberamente anche se credo che diventerà l’ennesimo spunto per il vostro prof, suo fratello e i loro adepti telematici per vomitare sul sottoscritto e il mio giornale nuovi insulti, minacce e accuse di appartenenza a complotti mondiali"
Condividi · 23 agosto alle ore 21.06
Visualizzato da 62

Commenti:

Alessandro Comandini Io mi chiedo se il lavoro di un giornalista sia quello di sentenziare come "imbarazzante" un professore o parlare dei problemi seri. Glielo spiega qualcuno a Preve?
23 agosto alle ore 21.11 · 3

Francesco Giordano Ma si vergogni, invece di stare ancora lì a parlare a sproposito !!
23 agosto alle ore 21.49

Lucio Zen dal mio punto di vista quello che vorrei è solo confermare la validità del marcianò insegnante e di "rassicurare tutti quei genitori dubbiosi" . ho risposto personalmente chiedendo che perlomeno si accenni al fatto che all'uscita dell'articolo più di 200 persone che hanno conosciuto marcianò hanno espresso la volontà di garantire per lui...
staremo a vedere cosa risponderà preve (che comunque ci ha degnato di una risposta, cosa di cui comunque dobbiamo prendere atto)..

se qualcuno volesse segnalare la cosa a sanremonrews e puntosanremo.......................................................................
23 agosto alle ore 23.33 · 1

Alessandro Comandini Hai ragione Lucio, ho capito il tuo intento che poi è l'intento di tutti, però ssecondo me non è che bisogna prendere atto del fatto che ci abbia risposto...scusa eh, se non rispondi sei uno "stronzo".  era il minimo rispondere visto l'enorme "polverone" che si è creato..
Ieri alle 12.34 · 1

Lucio Zen viste le parti chiamate in causa, considerò l'essere considerato già di per se un successo.. ma alla fine, poco importa...
Ieri alle 13.16

************* fine *****

LA TESTIMONIANZA DI UNA EX: (sempre dalla pagina "Io sto con Marcianò)

[Serena, era meglio se non testimoniavi...]

LE INGERENZE DEL "DUCETTO" (sempre nella suddetta pagina)

ALTRE AMENITÀ


COMMENTI SU "TANGHERENEMY"


INSULTI E COMMENTI SULLA PAGINA FACEBOOK DI ROSARIO:


AHAHAHAH!!!

WASP

31 commenti:

  1. "permettetemi di invitarvi a rileggere l’intera vicenda alleggerendovi delle suggestioni adolescenziali"

    non credo sia possibile....dopo ripetutti contatti con il tipo con "l'impermeabile" li abbiamo persi definitivamente:
    SONO DIVENTATI GONZI

    STERKER PUPPA!

    RispondiElimina
  2. Ti sei dimenticato di aggiungere che Tommaso Mammone è un pagliaccio che dal gruppo dice di aver eliminato chi non è stato allievo di Zretino ma poi, gratta gratta, si scopre che ha eliminato solo chi è contro le bufale (sciecomiche e falsi attentati) diffuse dai due mentecatti del terrazzino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che sia il suo uno dei profili non fake che commentano nei blog fogna dei terrazzinari ?
      Chi mai puó essere, wlady, ron, damocle o chi altro ?
      Qui ci vuole una bella investigascion per fare l'aidentificascion
      :D:D:D

      Elimina
    2. Si, si, investighescion e aidentifichescion.
      E senza chiamare detective specializzati, basta un qualunque primate col pollice opponibile per farla meglio di come le facciano i terrazzinati

      Elimina
  3. Ah Ah, Serena, involontariamente, dice il perché alcuni studenti ricordino con affetto il Marcianó. Dava voti positivi anche ai somari o a quelli che avevano poca o nessuna voglia di studiare. Da quanto detto ne esce fuori un personaggio debole e senza autoritá, cio permetteva e permette ad alcuni studenti di approfittarne per potersi fare i cazzi loro in classe, non studiare, farsi raccontare i deliri del loro professore invece che far lezione, tanto il docente li avrebbe comunque promossi forse perché mostravano di credere alle troiate che lui raccontava.
    Quanto detto dovrebbe far preoccupare ancor di piú i genitori sulla capacitá di insegnare del Marcianó. Immagino che loro mandino a scuola i propri figli per studiare ed imparare qualcosa, non per divertirsi e farsi i cazzi loro.
    Complimenti vivissimi, l'affetto per il loro insegnante era interessato. Purtroppo per loro o, meglio, per loro fortuna gli altri insegnanti erano severi e li facevano studiare. Se non lo facevano giustamente li bocciavano o li rimandavano.
    Zretino ne esce veramente male dalla descrizione che ne danno alcuni suoi studenti ...

    RispondiElimina
  4. Ma vogliamo parlare di
    "i primi ricordi che ho di lui sono di un professore bizzarro, eccentrico, a tratti (con tutto il rispetto) azzarderei inquietante e con un modo di parlare per certi versi inconprensibile."

    Dico, ma questa è la difesa O_o

    RispondiElimina
  5. padrepatta has left a new comment on the post "zret lunatico":

    E Zret poi si chiede perchè dei genitori dovrebbero essere preoccupati di affidare ad uno come lui l'istruzione e la formazione dei loro figli? Zret non è adatto NEANCHE a insegnare loro il solo latino!

    Un professore deve essere una persona EQUILIBRATA, ragionevole, che insegni la sua materia ma anche quello che i contadini chiamavano "lo stare al mondo". Anche il Josef Mengele alla fin fine era un chirurgo e avrebbe di certo potuto suturarvi una ferita in caso di necessità... ma lo avreste mai messo di servizio ad un pronto soccorso o volontario nelle ambulanze?

    Come è possibile che un PROFESSORE (sic!) abilitato all'insegnamento nelle scuole italiane possa permettersi di sparare dubbi così a-scientifici (e così basilarmente IDIOTI) per il solo fatto che ha la bocca?
    Lui stesso magari non crede alle stupidaggini che scrive ma ciò non è importante: che ci creda o no in ogni stronzata che legge in rete deve ricercare, ricreare e sottolineare la solita "ribollita" di fandonie che usa per sostentare i quattro gonzi che lo leggono "seriamente".

    Bisogna fare una lettera al ministro dell'istruzione Maria Chiara Carrozza.

    Ci vogliono gli ispettori a Sanremo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E scommettiamo che, chiunque sara' a spedire la lettera al Ministero, il mentecatto dara' la colpa a TFB?

      Elimina
    2. Senza dubbio. Ma a me non frega un cazzo, mi diverto comunque, basta che venga sputtanato.
      Strakkino, sei un coglione.

      Ubi maior, Strakkino cessat.

      Elimina
  6. Margotti Street27 agosto 2013 11:57

    Task Force Butler, un plauso incondizionato per le segnalazioni che fai a chi di competenza: la ex allieva che testimonia di avere avuto dall'insegnante i registri da manipolare a sua discrezione (è questo il senso di quanto ha scritto, mi pare!) costituisce un fatto gravissimo perché i registri sono un atto pubblico e come tali non possono essere manipolati da estranei al corpo insegnante e dirigente scolastico.
    Ciao e avanti tutta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dissento: soffermarsi su questi dettagli non è produttivo, un qualunque avvocato mediamente deficiente li smonta in un attimo (assenza di prove, studentessa mitomane eccetera), meglio il quadro generale: come dicono in America, comprereste un'auto usata da quest'uomo?

      Elimina
    2. Vero. Però ricordiamoci che il quadro generale è fatto anche di particolari.
      Questo dettaglio non sarà giuridicamente consistente, ma aggiunge un tassello al quadro generale.
      Zretino, sei un fallito.
      Strakkino, sei un coglione.

      Ubi maior, Strakkino cessat.

      Elimina
    3. mettiamola così: i dettagli confermano e rafforzano il quadro generale, che resta quello della credibilità di un educatore che sul lavoro predica bene (nessuno gli ha finora contestato incompetenza nello specifico delle materie che insegna) ma nel tempo libero razzola male, e sarebbero solo fatti suoi se non lo facesse pubblicamente: mitomanie, paranoie, aggressioni verbali eccetera
      dal che, senza niente di personale ma semplicemente esistendo altre alternative, la domanda di prima: comprereste un'auto usata da quest'uomo?

      Elimina
    4. Appunto. Fino a che punto possiamo essere certi che mitomanie, paranoie, aggressioni verbali, ecc... praticate nel tempo libero non vadano poi ad inficiare il lavoro di educatore, o peggio non debordino nello stesso?
      Fino a che punto una persona può avere un comportamento cosi a compartimenti stagni (sempre che sia possibile ed io ritengo di no)?
      Per quanto riguarda la domanda, la mia risposta è NO.
      Strakkino, sei un coglione.

      Ubi maior, Strakkino cessat.

      Elimina
    5. il senso era proprio quello

      a meno di essere il dr. Jekill (e alla fine nemmeno lui ce l'ha fatta) non è umanamente pensabile di gestire questo tipo di compartimenti stagni

      e i dettagli di cui parlavamo non fanno che avvalorare questo quadro

      Elimina
    6. C'e da dire però, come scritto nella lettera a Preve di alcuni dei suoi studenti, delle sue troiate e dei suoi deliri ne parlava ance in classe con gli allievi. Non posso dire se il Marcianò insegni bene latino e italiano, con la storia non è per nulla professionale dato che, come risulta dalla registrazione della telefonata-intervista con Preve, in classe propalava anche la sua personale versione distorta della storia. Devo anche aggiungere però che la storia, almeno quella moderna, che è insegnata nelle nostre scuole è in diversi casi manipolata e distorta, come nel caso del risorgimento o quando si trattano i giacobini italiani, alleati dell'esercito di occupazione francese, come dei patrioti invece che, come sarebbe più corretto, dei collaborazionisti ...

      Elimina
    7. comunque la si giri non è l'insegnante che vorrei per figlio

      Elimina
    8. ops per mio figlio

      Elimina
  7. Margotti Street28 agosto 2013 11:45

    Come si fa ad ipotizzare che sia un insegnante ineccepibile che riesce a scindere la sua evidente paranoia e distorsione della realtà dal suo incarico che è soprattutto comunicazione di nozioni, trasmissione di concetti e relativa spiegazione agli allievi?
    Se così fosse allora non sarebbe solo paranoico, ma anche e soprattutto schizofrenico.
    Questo dal punto di vista delle psicopatologie. La storia è sicuramente insegnata meglio da certe trasmissioni della tanto vituperata televisione, nelle quali si documentano i fatti nudi e crudi e si lascia al telespettatore l'interpretazione e la riflessione, ciascuno con la propria esperienza e sensibilità.

    RispondiElimina
  8. mio figlio non andrà mai non dico nella sua classe ma proprio nel suo istituto; è una scelta possibile perché grazie al cielo ci sono alternative, ma non posso pretendere che tutti la pensino allo stesso modo

    certo se Marcianò venisse rimosso non piangerei

    RispondiElimina
  9. Io comunque ho notato un certo cambiamento in Zretino. Negli ultimi tempi è diventato molto piu' aggressivo.
    E' palese che questa storia lo abbia fatto sbroccare in modo scomposto molto piu' di quanto abbia sbroccato in passato. Se dovessero uscire ancora un paio di articoli sui giornali a proposito di questa vicenda perdera' definitivamente il controllo che gia' ora tende a perdere saltuariamente. Se cosi' fosse, la scuola, e di solito le scuole ci vanno coi piedi di piombo a rimuovere insegnanti (tranne per casi molto eclatanti) avrebbe poi buon gioco a liberarsene "parcheggiandolo" facilmente in mansioni che esulino dall'insegnamento o, meglio ancora, a liberarsene "suggerendogli" una lunghissima convalescenza per riprendersi da un esaurimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per forza che questa storia l'ha fatto sbroccare, non è stato minimamente in grado di rispondere NEL MERITO alle questioni sollevate dal giornalista, è solo partito per la tangente.
      Inoltre non sappiamo quale sia stata la successiva sbroccata di Strakkino, che può aver temuto la possibilità di un taglio netto delle entrate finanziare di casa, caso gravissimo per Rosario "Voglia di lavorar saltami addosso e tu pigrizia non mi abbandonar" Marcianò.
      Zretino, sei un fallito.
      Strakkino, sei un coglione.

      Ubi maior, Strakkino cessat.

      Elimina
    2. Sarebbe interessante sapere, caro TFB, quando mai Zretino ha risposto nel merito una volta nella vita... ;-)

      In quanto alla sbroccata di Strakkino dopo l'articolo sul giornale è vero che non la conosciamo nei termini esatti ma possiamo facilmente intuirla conoscendo il soggetto. E non solo ha sbroccato lui ma ha anche avallato lo sbrocco di Zretino dato che, come anche tu ben sai, Zretino lo Zerbino ha bisogno del permesso di Rosario anche per andare al cesso. E il fatto che l'abbia avallata è la prova lampante che lo stercorario è ormai definitivamente partito di testa... avesse avuto almeno un neurone funzionante avrebbe detto al fratello Bancomat "vista la situazione cerca per un po' di tenere un basso profilo cosi' non metti a rischio le finanze di casa, tanto a vomitare veleno su tutti ci pensiamo io, i miei fake e qualche ritardato come wlady". Il fatto che 'o professo' stia ragliando anche piu' del geometer la dice lunga...

      Elimina
    3. E' ovvio che Strakkino sia andato fuori di testa.
      I processi che ha in corso, quantunque lui faccia il bullo, evidentemente non stanno andando molto bene per lo stercorario, e lui lo percepisce.
      Indizio certo di ciò è nella sclerata avuta con Preve; qual'è stata la primissima cosa che ha blaterato Strakkino?
      "Io ho due processi in corso e mi devo pagare gli avvocati"; segno inequivocabile che il culo comincia a fargli seriamente male.
      Ben gli sta.
      Zretino, sei un fallito.
      Strakkino, sei un coglione.

      Ubi maior, Strakkino cessat.

      Elimina
    4. "Io comunque ho notato un certo cambiamento in Zretino. Negli ultimi tempi è diventato molto piu' aggressivo"

      no, era già così. Sa come nascondersi.

      Elimina
    5. L'accanimento di cotante persone nei confronti di una sola mi disgusta. Conosco alcuni di voi, la maggior parte di voi, siete tutti studenti o avete da poco finito di studiare. Alcuni di voi non fanno altro che girovagare d'in Stato in Stato in cerca di fortuna, cercano lavori che non possono che offrire una mediocre e temporanea stabilità. Urlano al mondo intero che voglio certezze e garanzie e poi qua non fanno altro che provare a distruggere quelle degli altri. Certo non siete stati premiati con 1, 2, 3 o più bocciature per colpa di un docente incapace. Quest'Italia fa schifo non solo per colpa degli usurai ma anche per colpa dei rabbiosi, guerra fondai. Ne abbiamo abbastanza di finti politici.

      Elimina
    6. Come immaginavo, avete scaricato una pioggia di pietre su una persona e poi abbandonato la causa. Ormai Marcianò non fa più notizia. Bravi, l'ennesima bella figura, tutti in piazza con Grillo a far cabaret! Bye bye

      Elimina
  10. AHAHAHAHAHAHAHAHAH, Strakkino, ma non era stato TFB a creare la pagina di Facebook che a quanto pare ti sta consumando il culo?

    http://www.tankerenemy.com/2013/08/traffico-sconosciuto.html?showComment=1377944846016&m=1#c1535168641819086803

    Strakkino, sei un coglione.

    RispondiElimina
  11. Strakkino, sei un coglione

    Confermo !!!

    RispondiElimina
  12. "Io ho due processi in corso e mi devo pagare gli avvocati"
    Due processi, per ora: perché con la condanna per diffamazione arriverà anche quella al risarcimento dei danni in misura da stabilire in sede civile. E lì saranno cavoli amari perché, a differenza del processo penale, in quello civile oltre ai propri avvocati dovrà pagare anche quelli delle controparti (Nigrelli figlio e ASL) oltreché naturalmente i danni.
    Avvocati di parte in due processi penali
    Avvocati di parte in due processi civili
    Avvocati di controparte in due processi civili
    Danni in due processi civili
    ...campa zret che il tuo stipendio è prenotato...
    e sempre che da parte di Preve e Repubblica, se l'asserita "querela" è vera, non arrivi la controdenuncia per calunnia
    ...campa zret...

    RispondiElimina